VITA

Ho imparato l’affido su di me

di Ilaria Dioguardi

 

Si in effetti è proprio così, a pensarci bene io l’affido, da sempre, lo vivo a 360°: da “utente”, da famiglia accogliente e da professionista:::)) e proprio per questo non posso proprio accettare che ragazzetti grandi quanto lo ero io all’età in cui mi sono ritrovata “per strada”, siano costretti, nonostante gli aiuti dello Stato, a rimanere parcheggiati in struttura.

In questa intervista, che potete leggere  cliccando  questo LINK , racconto, tra le altre cose, come nasce l’idea del libro Non vi ho chiesto di chiamarmi mamma.

Quando quattro anni fa ho conosciuto i miei due figli adolescenti tramite l’affido, Emilia Russo mi ha chiesto di scrivere un diario perché poi diventasse uno strumento divulgativo e informativo su come una famiglia “normale” possa essere felicemente affidataria di due temibili ragazzini brufolosi e pelosi. Naturalmente se non fossimo stati felici del risultato non avremmo cercato l’editore::))) Ma come ben vedete il libro è stato pubblicato!

 

Non vi ho chiesto di chiamarmi mamma è in tutte le librerie, ma se vuoi ricevere una copia con dedica personalizzata, e sostenere la campagna M’aMa sull’affido degli adolescenti fuori famiglia, scrivi una email a percorsimama@gmail.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2023 Copyright AFFIDIamoci

Add Your Heading Text Here